Facebook, la mia social mania!

Facebook, la mia social mania!
0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×

Tra tutti i social che impazzano sul web, posso dire con certezza assoluta e senza alcun dubbio, che il mio preferito sia Facebook. Lo so che la mia non è certo la scelta più originale, ma posso dire a mia discolpa che non non mi sono accostata a  questo tipo di social con la coscienza di chi sa a cosa sta andando incontro. Anzi!

Le prime volte che sentivo parlare di Facebook che fosse in televisione o da qualche amico, mi chiedevo di cosa si trattasse, senza però sentirmi sinceramente spinta a fare alcun tipo di ricerca, anche solo per pura curiosità.

Un amico un giorno, mi spiegò  tra una chiacchiera e l’altra,  di cosa si trattasse, e che con questo tipo di social avrei potuto ritrovare persone che non sentivo da anni, perfino compagni di scuola. A caldo, dopo aver capito finalmente di cosa tutti parlassero,  pensai che se alcune persone non le frequentavo più, ci doveva pure essere un motivo valido dietro, perciò, perché stuzzicare il passato andando alla ricerca di fantasmi?

Ora, poiché la curiosità è femmina, e bisogna cercare di stare al passo con i tempi, sapendo sempre quali sono gli argomenti più gettonati, al fine di non essere esclusi da alcuna discussione, anche io  un giorno, quasi senza accorgermene e con la scusa di dare solo un’occhiata, mi ritrovai nella home page di Facebook ad inserire i dati per la mia iscrizione.

Fatale fu quel dì.

Ebbene sì, perché non solo sono diventata fan di questo nuovo modo di comunicare, ma mi ha talmente affascinata, che dal giorno non sono stata più capace di farne a meno.

Come tutte le cose della vita, però anche Facebook ha pregi e difetti.

I pregi che mi hanno portata a mantenere attivo il mio profilo sono:

  • Possibilità di ritrovare persone conosciute durante periodi della vita o situazioni, che ad un certo punto, per ragioni vari ed eventuali, la  mia mente aveva rimosso. Persone che ovviamente avevano avuto un impatto positivo in quella esperienza, e che ritrovare spesso a sorpresa, mi ha fatto  piacere.
  • Animare discussioni virtuali su svariati argomenti, dal più leggero al più importante, potendomi confrontare con gli altri amici, e capire vari punti di vista.
  • Possibilità di diffondere un certo tipo di messaggio ( es. importanza di prevenzione e/conoscenza di malattie)
  • Condivisione di una particolare situazione o problematica, per la quale chiediamo una mano d’aiuto ad altri utenti ( perdita di oggetti a noi cari o di animali).

Come già detto in precedenza, anche Facebook, come tante cose ha i suoi lati negativi, che purtroppo ho sperimentato sulla mia pelle, ma che con qualche accorgimento si possono facilmente superare,  avendo così la possibilità di utilizzare al meglio questa meravigliosa società virtuale.

In fattispecie i lati negativi secondo la mia esperienza personale sono:

  • L’uso improprio da parte di alcuni utenti ( amici e non) di ciò che noi pubblichiamo, da uno status che esprime una particolare emozione, alla foto dei nostri figli, che possono essere utilizzati contro di noi in particolari contesti oppure con uso improprio ( furti, problematiche su lavoro, pedofilia).
  • Rischio di ferire alcuni utenti, affrontando con la leggerezza che un social del genere ci offre, argomenti spinosi di interesse pubblico.
  • Ultimo punto negativo, ma non certo per importanza, la dipendenza da social, ossia continua connessione che ci porta ad avere sempre il cellulare a portata di mano, con il controllo costante  degli status altrui, perdendo di vista quella che è la nostra realtà.

Con gli opportuni accorgimenti che io stessa ho utilizzato sul mio profilo (rendere private foto e status, limitare la visione di alcuni post a determinati utenti e via dicendo, e sopratutto tutelare la propria privacy), questo social può essere divertente e perché no perfino educativo.

La speranza però che nutro davvero è che noi tutti facebookiani, ed io per prima, riusciamo (prima o poi)  a prenderlo proprio per quello che è, cioè una moda, mania, da limitare ad una minima parte del nostro tempo libero, senza sostituire mai un incontro in chat alle uscite con gli amici, una chattata alle chiacchierate vis-à-vis, e sopratutto i mi piace alle vere dimostrazioni d’affetto.

Perché Facebook è bello, ma la vita vera lo è molto di più!

Photocredit : https://pixabay.com/it/sistema-rete-notizie-connessione-954972/

 

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×