Le professioni del web, queste sconosciute

Le professioni del web, queste sconosciute
0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×

Per chi lavora nel mondo del web spesso spiegare di cosa ci si occupa, che cosa si fa per portare il pane in tavola, è un’impresa ardua.

Dalle mie parti l’ingegnere, il medico, il commercialista, l’avvocato, il professore, sono professioni serie, degne di rispetto, per cui uno sceglie di andare all’università.

Quando chiedono a me in cosa sono laureata… Scienze della comunicazione pubblica e sociale… ho due tipi di reazioni:

– faccia spaesata, poi un lungo silenzio

– faccia spaesata, poi: “… e quindi che lavoro puoi fare?”

Trovo sempre molte difficoltà quando voglio chiarire a chi non è del campo che il Social Media Manager  non è uno che sta sempre su Facebook, che si viene pagati per scrivere per il web e che se una persona lavora con il computer non significa che lo sa anche aggiustare.

Un po’ però li capisco…

Sono ancora poche le aziende e le persone che danno credito a questo tipo di professionalità: le imprese non conoscono ancora bene il ruolo che può avere, ad esempio un community manager al loro interno, alcuni non sanno nemmeno come si scrive community manager 😀

Scherzi a parte, le professioni del web sono difficili da far conoscere e comprendere a chi è ancora legato ai lavori tradizionali.

Io vivo in un territorio che ha bisogno di essere educato e formato alla conoscenza di queste professioni, e trovo non pochi ostacoli. Si guarda ad internet ancora con una certa diffidenza, ancora con la paura di essere truffati. Si ha timore di investire in un modo nuovo di farsi conoscere, in un nuovo modo di fare pubblicità. Oppure si pensa a questi lavori come niente di serio: quanti di voi si sono sentiti dire “Beh, ma se iscriversi a Facebook è gratuito, perché dovrei pagarti?”.

Io non so ancora bene cosa voglio fare da grande, non mi reputo assolutamente una professionista, sto ancora studiando e cercando la mia strada, però anche vivere in un posto che non ti da stimoli rallenta la salita verso qualcosa di più concreto.

 Photo credit: geralt

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×