Professioni del web: quali sono i lavori online?

Professioni del web: quali sono i lavori online?
0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×

Vi siete lanciati nel mondo della scrittura, in quello del lavoro online, ma, ancora, sono ben pochi quelli che capiscono che cosa, in realtà, fate? Oppure, avete qualche giusto dubbio e non sapete dove orientarvi? Classificare le professioni del web, definirne i “limiti” e le specificità non è affatto semplice. Ci ha provato nel 2013 l’IWA, un’associazione di professionisti del web, con una lista che vi consiglio di leggere, ma, ancora, i dubbi sono tanti.

Questo perché definire un mondo vasto come quello dell’online e dei suoi tanti mestieri non è così facile: sono lavori relativamente nuovi, non conosciuti da tutti, spesso con sfumature simili e, sopratutto, senza confini ben definiti. E vi assicuro, è capitato e continuerà ad accadere: ci sarà sempre qualche cliente che vi chiederà di farvi il sito tanto, no, scrivete già su internet, siete degli smanettoni, che ci vuole? Come se chiedessi al mio panettiere di vendermi la carne, tanto è un commerciante, no? Certo, alcune professioni del web si assomigliano, sconfinano le une nelle altre, ma che si fa su internet? Quali sono i lavori più frequenti che si stanno sviluppando?

Nel web c’è chi fa i siti, c’è chi sviluppa applicazioni e tutte quelle strutture che servono per mandare avanti un progetto. Eh sì, perché non si può creare un portale web dall’oggi al domani: servono capacità, studi e non il “cugino che di internet ci capisce qualcosa in più”. Ci sono i grafici, perché come ben sappiamo, “anche l’occhio vuole la sua parte”, mentre chi, esperto di marketing, studia le strategie migliori per promuovere un lavoro. In quest’ottica arrivano gli specialisti dei social media che no, non passano tutto il giorno su Facebook, Twitter, Google Plus e soci a scoprire che cosa hanno fatto Belen o la migliore amica la sera precedente, ma che fanno conoscere, comunicano con i clienti (o potenziali) utilizzando piattaforme comuni, entrate nella vita quotidiano di tutti noi. Importanti i traduttori, che permettono di portare avanti anche un progetto a livello internazionale e, chi, sopratutto nei grandi progetti, si occupa prettamente di SEO o di gestire un team.

E, infine, ci siamo noi, quelli che sul web ci scrivono, i blogger, i web writer, gli articolisti, i web content editor, i copywriter, i web content specialist…: tanti nomi, che possono a volte assumere sfumature differenti (ma questo lo vedremo in seguito), spesso accomunati da passioni, studi e competenze molto simili. Perché scrivere online non è come farlo sulla carta, servono diversi strumenti, capacità e conoscenze che cerchiamo qui su Palestra Writer di condividere, un post dopo l’altro, con voi.

Quella di definire le professioni del web è un’impresa ardua, forse impossibile da riassumere in un solo articolo, sia quando ci troviamo di fronte a persone (i nostri stessi genitori, i nonni, gli zii o gli amici meno smanettoni) che sono digiuni dell’argomento, sia quando siamo tra “esperti del settore”. A seconda della grandezza del progetto, delle capacità di ognuno e delle conoscenze, un web writer, infatti, potrà anche sconfinare dalle sue competenze di base, andando, ad esempio, ad occuparsi di social, di strategie SEO a più ampio raggio o ad aggiustare un certo plugin di WordPress: tutti extra che impegnano, hanno bisogno di tempo, sforzi e che, ovviamente, devono essere retribuiti.

Photo Credit: Photl.com

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×