Scrivania: l’importanza del post-it

Scrivania: l’importanza del post-it
0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×

Che si tratti di un ufficio, di un open space, di un coworking, di uno studio ricavato in casa o della scrivania dal propria camera, ormai passiamo sempre più tempo nella nostra postazione di lavoro.

Il computer è il destinatario di gran parte delle nostre attenzioni, ma anche smartphone e tablet non scherzano. Tra mail, chat di lavoro o di piacere, social network da controllare per tenersi al passo col mondo, siamo tutti sempre più connessi.

Ma ciò che ci sta intorno?

Personalmente credo che l’ambiente in cui si lavora sia fondamentale. Il mio umore, e soprattutto la mia produttività migliorano sensibilmente se mi trovo in un posto accogliente, in cui posso sentirmi a mio agio e guardarmi intorno senza avere l’impressione che sia passato da poco un uragano intorno a me.

I dettagli contano

Ebbene sì, la sostanza è importante, ma ammettiamolo: certi dettagli sono in grado di cambiarci la giornata. Una sedia comoda, delle lampade di design, non necessariamente troppo costose, che emettono una luce adatta allo schermo, delle belle finestre da cui vedere cosa succede là fuori e una scrivania confortevole e bella da vedere sono gli elementi di base.
Poi, ovviamente, ci sono gli oggetti di cui ci circondano: foto, portapenne, ricordi del viaggio di un’estate durata sempre troppo poco, anche, perché no, dei giochini che ci ricordino che siamo stati bambini, prima di finire a lavorare 12 ore al giorno.

Ciò che fa la differenza

Oltre a tutto questo, ognuno di noi ha almeno una cosa che non può mancare sulla sua scrivania. Portafortuna, amuleti, il mouse di un certo tipo, una speciale penna e chi più ne ha più ne metta.
Per me sono i post-it. Non posso dire di avere una buona memoria, soprattutto, ogni volta che esco da lavoro il mio cervello fa una sorta di reset per cui, se il giorno dopo non avessi qualcosa che mi ricorda l’ordine delle priorità, passerei le prime tre ore di lavoro a cercare di ricostruire ciò che è rimasto in sospeso dalla giornata precedente.
Ultimamente, poi, ho trovato un ulteriore trucco: scrivere sui post it con penne di colore diverso. In questo modo associo subito ad un determinato colore un cliente oppure una cosa più importante di un’altra. E faccio un’ottima figura col capo, mascherando alla grande la mia poca memoria. A meno che non dimentichi di scrivere il post it giusto.

Photo credito: Pixabay

1 Comment

  • Letizia
    Letizia Posted 30 ottobre 2015 11:04

    Ma pure i segna-pagine adesivi e colorati non scherzano sai??
    Dovresti vedere le riviste che sfoglio ogni giorno, credo di essere da TSO…

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×