Una mela per scrivere, e tu?

Una mela per scrivere, e tu?
0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×

Confesso: non ero un’amante della mela morsicata, la evitavo per mille svariati motivi e giustificavo il tutto dicendo che non avrei MAI pagato certe cifre per avere un aggeggio alla moda ed entrare nel gregge. Mai avrei pensato che fosse possibile utilizzare proprio una mela per scrivere.

Ebbene, qualche mese dopo il mio ultimo “Ma figurati se anche io mi compro la roba della Apple per pura moda!“, ero al centro commerciale che sceglievo un tablet della medesima mela. Avevo già in tasca un iPhone comprato direttamente nella sua casa madre, ed ero particolarmente felice.

Devo ammettere che il primo periodo di iPhone+iPad è stato devastante: aggiornamenti, app, suggerimenti di app, sincronizzazione, backup. Parole che mi spaventavano e che mi davano la sensazione che tutto sarebbe esploso, da un momento all’altro. Ma piano piano, io e questi due aggeggi siamo diventati ottimi amici!

Con il tempo ho imparato che il backup non era altro che un salvataggio memoria un pò più capiente di quello che il mio vecchio Nokia offriva, e che la sincronizzazione sarebbe stata una nuova amica che spesso mi avrebbe salvato la vita, mentre altre volte mi avrebbe fatta davvero incazzare.

Così, dopo poco più di un anno (sì ragazzi, un anno ci ho messo!) mi sono sentita perfettamente integrata nel sistema Apple ed ho iniziato a sviluppare cose che mai avrei pensato di riuscire a creare. Ho scaricato programmi per scrivere (per prima: app di WordPress!), creare fogli di calcolo e addirittura presentazioni.  Ho capito che iBooks mi dava anche la possibilità di scaricare libri GRATIS, e che avrei trovato dei manuali utilissimi che mi sono poi comodamente letta spaparanzata sul divano o direttamente a letto. E i PDF? Mi rimaneva questo scoglio, non sapevo come uscirne. Ma chi cerca trova, ed io ho trovato pure l’app che mi trasformava qualsiasi file in PDF!

Inutile dire che la comodità di sincronizzare i documenti e le immagini mi hanno permesso infinite volte di essere pronta in momenti in cui, diversamente parlando, non lo sarei stata. Importante è invece dire che, senza questo famigerato tablet che ho tra le mani, il mio blog non esisterebbe, e la mia passione per la scrittura non si sarebbe concretizzata.

Già, perchè il mio adorato PC rosa che con me ha combattutto duramente contro il tempo per la laurea triennale, mi ha lasciata qualche mese dopo aver portato a termine il suo arduo compito. Non ho più avuto l’esigenza di comprarne uno, e mai avrei pensato, un giorno, di avere un tablet quasi come seconda pelle.

Perchè mai più senza tablet? Perchè è lui che mi ha permesso di essere qui, oggi, e che mi permette ogni giorno di tornare da lavoro e rilassarmi sul divano, scrivendo e perchè no.. magari leggendo anche qualche bel pezzo di alcuni colleghi!

Photo credit: Pixabay

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×